Benvenuti

Partecipa anche tu alla Rivoluzione Energetica!

Il cambiamento ha inizio oggi, unisciti al progetto "Energia Condivisa"

Superbonus 110%

0 kW

I soggetti “residenziali” possono usufruire del Superbonus (110% delle spese, come credito di imposta), per impianti fino a 20 kW realizzati come interventi “trainati” (ovvero, in abbinamento ad interventi “trainanti” come “cappotto termico”, “impianto termico”, ecc.), mentre per le parti eccedenti i 20 kW o per impianti realizzati non in ambito Superbonus (ovvero non come interventi “trainati”) possono usufruire del credito di imposta del 50%. Possono comunque far parte di Comunità Energetiche, usufruendo di una parte dei relativi incentivi (vedi sezione apposita)

CER (Comunità Energetica Rinnovabile)

 Un aggregato di soggetti (privati, PMI, enti territoriali o autorità locali), che includono consumatori, produttori e/o “prosumer” (soggetti che sono sia produttori che consumatori) i cui punti di connessione alla rete appartengono ad uno stesso contesto territoriale (nello specifico: afferiscono alla stessa cabina BT/MT, fino alla attuazione del DLGS del 4/11/2021, c.d. “decreto RED II, o alla stessa cabina primaria, dopo l’attuazione del citato decreto RED II) e che volontariamente decidono di costituirsi in forma giuridica allo scopo di produrre e condividere energia in forma collettiva.

Il Modello Energetico è in continua evoluzione

Il vecchio modello centralizzato (poche grandi centrali che producono il fabbisogno collettivo di energia, da trasportare fino ai consumatori) è in progressiva evoluzione verso un nuovo modello, più efficiente e sostenibile, di generazione distribuita (tante piccole produzioni , per lo più da fonti rinnovabili, vicino a dove serve, ed in rete fra loro), con il duplice obiettivo di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili e di avvicinare l’autonomia energetica, ai vari livelli (locale e nazionale).  

L'energia è prodotta sempre più spesso vicino a dove va consumata, mediante tante unità di produzione, spesso di dimensioni medio-piccole (produzione distribuita), quasi esclusivamente mediante fonti rinnovabili (es.: fotovoltaico)

Produrre buona parte dell’energia che si consuma è un obiettivo ormai alla portata di tutti, gli apparati di stoccaggio, sempre più efficienti e meno costosi, consentono di armonizzare produzione e consumo, evitando di sprecare le eccedenze produttive causate dallo sfasamento temporale fra produzione e consumo

La condivisione delle eccedenze permette di passare dall’autoconsumo a livello di singolo utente all’autoconsumo a livello di aggregato (Autoconsumatori Collettivi, Comunità Energetiche)

Le tecnologie digitali permettono di controllare in tempo reale i dispositivi, sia di produzione che di consumo, consentendo l’attuazione di politiche di ottimizzazione mai viste prima d’ora

Energia condivisa

Una Nuova Energia

Il nuovo modello energetico si fonda su quattro temi molto importanti per promuove un’energia nuova e consapevole che fa bene all’ambiente!

Pulita

Riduce la dipendenza dai combustibili fossili e limita le emissioni di anidride carbonica in atmosfera.

Km 0

Lo strumento perfetto per autoprodurre energia e risparmiare sui costi della bolletta, in più fa bene all'ambiente.

Condivisa

Grazie al nuovo modello della Comunità Energetiche si crea un'aggregato smart in cui i membri producono e consumano.

Ottimizzata

L'aggregato smart condivide le eccedenze produttive, i piani di consumo e produzione, gli strumenti di gestione.
CONTATTACI

Contatta uno dei Nostri Consulenti!

I nostri operatori saranno lieti di risponderti non appena possibile.
aggregato smart

Cosa serve ad un Aggregato “Smart” per partire?

Scopri come diventare una Comunità Energetica.

ECO (Energy Controller Optimizer)

Dispositivi per raccogliere i dati e per controllare gli apparati di produzione e consumo

ECMS (Energy Community Management System)

Una piattaforma studiata per la condivisione dell’energia

Documentazione

Un insieme di elementi contrattuali già pronti all’uso

ECD (Energy Community Developer)

Un consulente che aiuta a fare le scelte giuste (dimensionare gli impianti, organizzare i membri, …)

ESCO (Energy Service Company)

Un soggetto con capacità tecniche e finanziarie per realizzare gli impianti e fare l’investimento

Live Green, Act Green, Think Green.

La Nostra Vision

L’attore principale del nuovo modello energetico è l’AGGREGATO SMART

Un aggregato i cui membri producono e consumano in moto “ottimizzato”, condividendo le eccedenze produttive, i piani di consumo e produzione, gli strumenti di gestione. Per gestire al meglio un simile “ecosistema di utenza” (insieme di utenti con caratteristiche diverse: privati e/o pubblici, residenziali e/o aziende, consumatori e/o produttori, singoli e/o aggregati) non basta un singolo “service provider”: serviva un “ecosistema di offerta”. Noi abbiamo costituito il primo esempio, in Italia, di questo ecosistema: l’unico che, oggi, è in grado di coprire a 360° tutte le esigenze di un “aggregato smart”!

ECD (Energy Community Developer)

Si occupa dello sviluppo dell’aggregato: i nostri esperti mettono a disposizione le proprie competenze specialistiche per scegliere l’aggregato più adatto, dimensionare e progettare gli impianti di produzione, pianificare i consumi, configurare gli strumenti di gestione

ECO (Energy Controller) e SM (Smart Meters)

Contatori e controllori intelligenti, per misurare i consumi e coordinare in modo ottimizzato produzione e consumi

Costruttore

Il soggetto che, nel nostro ecosistema, confeziona l’abito su misura, progettando e realizzando gli impianti (personalizzati) sulla base delle specifiche individuate dall’ECD

ECMS (Energy Community Management System)

La piattaforma di gestione e condivisione dell’energia (prodotta e consumata). Supporta tutti i soggetti coinvolti (membri, investitori, gestori), sia in fase di sviluppo (identificazione membri ed interventi, simulazioni economico-finanziarie, scelta della organizzazione più adatta) che di realizzazione e di successiva gestione (monitoraggio e controllo impianti, raccolta dati di produzione e consumo, ottimizzazione della condivisione, ripartizione incentivi, comunicazione agli utenti)

ESCO (Energy Service COmpany)

Il soggetto che, all’occorrenza, può fare l’investimento per la realizzazione degli impianti, che può poi mettere nella disponibilità dell’aggregato a fronte del pagamento di un canone sicuramente molto inferiore ai vantaggi economici derivanti dall’utilizzo degli impianti.